Poesia

Ore desolate

Sogni pigri

svogliati

opprimenti

figli d'insonni notti

frottole per ingenue fantasie
dentro il silenzio

ciascuna e tutte

a cibarsi d'esperimenti d'intenzioni
in momenti in cui ci si ritrova soli

con il battito del proprio cuore
a divenir il compagno con cui fare l'amore

E mi rabbuio nel nulla
.
Cesare Moceo ragazzo del 53
Poeta di Cefal├╣ destrierodoc
@ tutti i diritti riservati

Leave a Reply