POETI CONTEMPORANEI

MADRI, SON LE INQUIETUDINI DIVERSE

Ci son tunnel, ponti e avvallamenti,
pensieri solitari s'intersecano con altri,
che guizzano tra anfratti nella mente.
Sogni son taluni. fors'anche illusioni,
e certi, inver, son spore di preoccupazioni,
nella similitudine di sabbia defluente dalle mani,
fluiscono a scivolar,
per poi ripresentarsi a primeggiar,
ovvero a ricercar risposta all'esistenza loro.
Nutriti da coscienza e desiderio,
corron al riparo, restando radicati,
ancorati ai meandri, coniati d'ambizione
d'esser realizzati, i sogni,
ché non abbiano a svanire, soggiogati
dal nefasto influsso dei crucci degli affanni,
seppur, uniti e indivisibili,
mai possan esser scissi,
nell'insensato vaglio degli uni senza gli altri.
Madri, son le inquietudini diverse,
tarli ch'erodono il cervello,
purtuttavia partorienti sogni e aspirazioni,
che crescono, seguendo strade alternative,
lontani dalle spine, tra cui son nati.

condividi su Facebook condividi su Twitter


avatar

IRIS VIGNOLA AUTRICE