POETI CONTEMPORANEI

FRAGILI CASTELLI DI SABBIA

Come fragili castelli di sabbia
tremando, rovinando, seppellendo
crollano muri bianchi, pareti
tetti, fra un boato e la polvere
che soffoca cuori
e copre di grigio
l'azzurro del cielo.
Paesi spazzati
cancellati, sepolti
sotto macerie che si accumulano
a vite distrutte...
Vite che si sgretolano
insieme a case
monumenti e chiese
a secoli di storia
e storie di secoli
e non restano che rovine
ed esistenze rovinate
Tutto รจ deserto
fra urla, pianti e preghiere
richieste d'aiuto
che fendono il silenzio
e un pensiero ammutolito
che grida il suo dolore

condividi su Facebook condividi su Twitter