Poeti Contemporanei



Solo

di

CESARE MOCEO


Così m'hai ridotto,vita,
a sperimentar in me
ambiguità e nostalgie,
cerchi squadrati del ricordo
di qualche comoda placenta
dentro cui m'impietosivo
disdegnoso del mio destino,
dei miei più intimi travagli.
Così resto ora, a consolarmi
in questo deserto vivere;
cosi resto, ai sospiri
di quel vuoto schiavo,
a attender gli arditi effetti
degli amari affanni
che il Ciel sull'uomo asperge
.
Cesare Moceo vecchio ragazzo del 53
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati




condividi su :

Facebook


avatar

CESARE MOCEO