Poeti Contemporanei


Ne la pietate prender come compagna

di

CLAUDIO INNOCENTI


Non si può cambiar passato
ne la pietate prender come compagna,

sdegno del cor e d' uman passione,
ne cancellar aimè vergogna,

corre 'l tempo senza attender
tardive decisioni, spoglia l' indeciso

di sua speme, e la condanna,
è d' atroci pene soffrir,

d' inutili rimpianti che ancor peggior
delega mente in patetici rimuginar.

Ma si può ancora scriver 'l futuro
agendo tempestivi pria che 'l tempo

voli, e 'l presente viver con letizia
reagendo alle avversità

senza far l' inchino a l' ingiustizie,
sempre col guardo fiero

di chi non teme dolore
e non ha timore d' incontrar ombre

invadenti che di sol tolgon calore.




condividi su :

Facebook


avatar

CLAUDIO INNOCENTI