Poeti Contemporanei


Un canto primaverile

di

CLAUDIO INNOCENTI


L' Inverno profuma di miele,
ancor non è finito
ma le margherite ricamano il prato,
c' è nell' aria un canto primaverile.

S' aprono i polmoni
nell' aria tiepida,
nel canto di canzoni
e delicate note di rugiada

che allietano il primo mattino
nel cielo screziato di rosa,
nell' augurio di un buon giorno,
la benedizione a nuovi germogli, gioiosa

in questo marzo d' allegria
che rende leggeri, liberi da melanconia.


( Nonostante nell' aria ci sia mistero misto a timore
per questa pandemia che ha rivoltato il vaso di pandora. )




condividi su :

Facebook


avatar

CLAUDIO INNOCENTI