Poeti Contemporanei


L' ancora dei miei sogni

di

CLAUDIO INNOCENTI


Vedevo partire le barche dal porto,
libere dagli ormeggi,
felici di avventurarsi in mare aperto,
di dare sfogo alla loro voglia
di muoversi fra ali di vento
e riverberi di luce turchina.

M' immaginai allor di essere
una vela triste e sconsolata
per mancanza di vento, di trovare
finalmente la libertà per scivolare
fra le onde di un mare blu
bellissimo insieme ai delfini.

di togliere l' ancora ai miei sogni
per raggiungere isole di sabbia bianca
e cieli generosi e cristallini
ove albatri e aironi danzano
su note cadenzate e armoniche,
ove i miei desideri
sono perle di luce pronte
a riscaldarmi il cuore.




condividi su :

Facebook


avatar

CLAUDIO INNOCENTI