POETI CONTEMPORANEI

VENTESIMO SECOLO

Strano Secolo Questo Nostro. E Pensare che fin dal Passato erano i Molti che ad Esso si ispiravano, che ad Esso anelavano. Quasi credessero rappresentasse Esso Stesso l' Unione nel Traguardo Finale di Gioie insaziabili, di Verità a Lor tanto nascoste, di Desideri allor mai confessati. Ed Ora, invece, Noi Personaggi di quello Stesso Secolo che Quei Molti andavan cercando, siam solo Prigionieri di un Presente che, a Nessuno di Quegli Stessi Molti del Passato avrebbe neppur per un minimo interessato. Se solo lo avessero saputo.... Chiamasi Progresso. Finalità Atte al Ritrovare migliori Condizioni Umane. Chiamasi Progresso. Purtroppo ormai sol Delineato Come Essenza del Produrre, Come Essenza del Guadagno. Consumismo. Materialismo. Procreazione di Esseri dall’ Assoluta Conoscenza…. Chiamasi Computer. Procreazione di Manager che nella Sete di Potere Trovano Propria Realizzazione. Sono Realtà ! Progresso : E’ Cosa Utile ? Il Ventesimo Secolo. Proprio uno Strano Secolo, questo Nostro. Sempre che Nostro Sia. Forse siamo invece proprio Noi, Personaggi di oggi, divenuti Possesso di Questo Cerchio di Esistenza che di " Ventesimo Secolo " ha proprio ormai assunto solo il Nome. 27 Marzo 2003

condividi su Facebook condividi su Twitter