Poeti Contemporanei



Foglie d' Autunno

di

CLAUDIO INNOCENTI


Le foglie d' Autunno, sempreverdi
frusciano nel vento,
si perdono nell' incanto
di riverberi di luce nomadi.

Giunti alle porte dell' Inverno
ci guardiamo intorno basiti,
dal covid intimoriti.
Forte odor di morte delinea destino.

Assorto dal dubbio
ved' intorno acido sorso,
l' uomo di se stesso prigioniero.

Ma s' è pur vero ch' esiste Dio
qual sorte c' attende?... Tristo è 'l sorriso.
Fors' un calice di miele amaro?




condividi su :

Facebook


avatar

CLAUDIO INNOCENTI