Poeti Contemporanei


Pagine bianche

di

CLAUDIO INNOCENTI


Pagine bianche.

Pagine bianche
nel tempo sospeso,
mosaici di benessere
non riescono a completarsi,
le tessere sono disperse
nell' abbandono,
nella tristezza dell' anima,
nelle emozioni flebili
che si vestono
di foglie caduche
che si staccano al primo vento,
al primo richiamo di morte,
nella musica che diviene
cacofonia, stridore acuto,
distonia che coinvolge
tutto ciò che accarezza
e dona allegria alla vita,
la sensazione
che il vissuto possa essere
guidato da sobria ragione
e da l' amore che dovrebbe
rendere il sole ancor più accogliente.




condividi su :

Facebook


avatar

CLAUDIO INNOCENTI