PENSIERO


"AMORE" COME TRACCIA MNESTICA DELLA LINGUA EDENICA IN DANTE

Opera scritta da :

SURREALEX IVANOV


Tra le tante affermazioni rivoluzionarie che si possono leggere nel "De vulgari eloquentia" di Dante, ne esiste una che anticipa le tesi di Lacan, Sollers, e tanta parte del cosiddetto post-strutturalismo tardonovecentesco. In un passo del primo libro del trattato, Dante afferma che il significante "Amore" - identico in italiano, in lingua d'oc, e in lingua d'oil - è la prova dell'esistenza di una lingua primigenia comune a tutto il genere umano. Si tratta della lingua adamitica, dispersa dopo il crollo della torre di Babele e obliata dal genere umano, secondo quanto racconta la "Genesi". Assumendo le sacre scritture come "mito" di fondazione riconosciuto universalmente, Dante ribadisce che "Amore" costituisce la traccia mnestica della lingua primordiale: non a caso è la lirica amorosa di fine duecento a dare un nuovo inizio alla letteratura romanza. Detto altrimenti: "Amore" è il significante assoluto che custodisce il cuore primordiale del dire poetico.




condividi su Facebook


avatar

SURREALEX IVANOV