POETI CONTEMPORANEI

IL FREDDO

Il freddo invade il silenzio di morte
un canto una nenia persiste nei vuoti del tempo.
Una fame atavica di sentimenti del cuore;
assenze velate turbine intorpidito desiderio antico placato.
Mio amato ora son matura e non sono un sogno,
t'adoro l'anima mia parca di pensieri
dormirà dimentica d'addii,
dei tanti nulla di ricordi e violetti tramonti.

condividi su Facebook condividi su Twitter