POETI CONTEMPORANEI

ONDEGGIANO

ondeggiano frondose foglie portando refrigerio e riparo dalla calura estiva una magica luce attraversa anni lontani: memorie deliziose quando io piccola scèvra di pene correvo incontro alla vita ignara d'intrighi e lusinghe occhi ridenti e puri una piena d'amore mi scoppiava in cuore. Vie percorse nel tempo di speranze e dolori. Barlumi di luce schiarirono i giorni soffocati da nubi e tempesta. Tormenti e pianti sperimentati assieme a vane speranze. La morte non m'ha risparmiata. Veglia la mia anima su me in voli perigliosi attraverso nubi ferrigne
e strali ineludibili 10 agosto 2008

condividi su Facebook condividi su Twitter