Poeti Contemporanei



La Coda

di

MAURO LO SOLE


La “Coda”
Ner Core de Roma...
Ner Rione affacciato sur Tevere...
Cè ‘na “Regola”...
se magna alla Vaccinara... la Coda...

Cor trito d’ajo e la cipolla...
pe falla mejo...
ce vò pure l’ojo er lardo e la carota...
Cor prociutto e ‘un pò d’odor de vino... E se er brodo non cè bbasta...
se fa la sarza...
cor er cacao li pinoli e l’uvetta passa...

Mè... la chiamo sua Eccellenza...
perché pe quanto è bona...
è detta la “Regina” der quinto quarto...
Er pezzo de quer che resta della bestia... Doppo che le parti bone...
se le sò magnate i Signoroni!!
Queli ricchi...
Coi sordi... spicci!!!




condividi su :

Facebook