POETI CONTEMPORANEI

DALLA FINESTRA

Quando guardo dalla finestra,
vedo fuori di me , una natura
che non vive, ma che non è neppure morta.
Un cielo che passa da un azzurro forte
ed intenso ad un grigio plumbeo
.Cirri che viaggiano su tappeti di rondini
migratrici, bramose di un caldo sole.
Austera e regale un’aquila ascende
verso un nido ormai vuoto.
Abbasso lo sguardo sugli aranci e limoni
del mio giardino, e melodioso mi giunge
il canto dei pettirossi in attesa
dei candidi fiocchi di neve.
Da chissà dove arriva un aquilone
di carta colorata e trasparente,
lo seguo con lo sguardo,
leggero come una piuma, va planando,
su di un cuore antico e stanco.

condividi su Facebook condividi su Twitter


avatar

SANTASCARDINO50