BLOG OGGI

AL TEMPO DEI MAIALI ERAN SOSPIRI 82

OGNI RIFERIMENTO A COSE PERSONE E FATTI è PURAMENTE CASUALE

Ma dove mi trovavo?...Chi era il condottiero di quelle legioni?...Che relazione aveva quella battaglia con la morte violenta di Giulio Cesare?...Un lume mi venne nel cervello come il bagliore della prima luce che ha creato l'universo...Se quella sfida cruenta dove il sangue sgorgava a fiumi aveva un'attinenza con l'uccisione del grande imperatore,
non poteva che essere la battaglia di Filippi avvenuta in Grecia nel 42 AC,nella quale
il triumviro Marco Antonio che doveva essere appunto l'uomo dei dialoghi col passato
me stesso,aveva sconfitto gli uccisori del famoso condottiero,dittatore a vita e
imperator,ivi rifugiatisi e dove avevano organizzato un grande esercito...Ma io chi ero
in quell'antico contesto storico?...Forse Marco Emilio Lepido che era stato il capo
della cavalleria delle sue legioni,oppure un illustre sconosciuto che però doveva
avere poteri forti nella scala gerarchica.
Tutto si dissolse in modo improvviso dopo aver sentito dei colpetti sulla spalla destra e una voce preoccupata che mi chiamava ad alta voce,era quella di Mauro che mi aveva riportato alla realtà dal torpore di un sogno bellissimo che mi aveva allietato e anche messo in subbuglio." Marco cosa hai?...Sembra che ti sia addormentato a occhi aperti!...Ma non ti sei accorto che stavi viaggiando pianissimo?...Non lo so,è come se tu fossi in trance,guidare così lentamente sull'autostrada è pericolosissimo,rischiamo di creare un brutto incidente con conseguenze letali...Non senti le auto che ci sorpassano che strombazzii che fanno?...E hanno anche ragione,caspita,altrochè!...
Ma cosa ti è successo,ti senti male?...Parla,dimmi qualcosa.se non ti senti a posto posso guidare io!... " Svegliatomi finalmente dal torpore che mi aveva avvolto
togliendomi la percezione della realtà e realizzando che avevamo corso un grosso rischio,rassicurai Mauro. " Scusami,ero come ipnotizzato,sono imperdonabile,ti prego
scusami ancora,mi sono venute delle visioni e sono caduto come in catalessi,no,forse
in trance è più appropriato. " Gli raccontai ogni cosa nei minimi dettagli visto che
mi ricordavo di tutto perfettamente,esponendo le mie impressioni al riguardo.
Mauro incredulo replicò. " Ma com'è possibile che tu abbia vissuto tutte queste
avventure,a sentirti sembra che tu abbia dormito per un'intera settimana,mentre invece,al massimo sono passati sei,sette secondi.Non metto in dubbio quello che
mi hai detto.non puoi esserti inventato questo romanzo di sana pianta,è impossibile,non avresti potuto narrarlo con tal dovizia in ogni minimo particolare...
Senza un attimo di tregua,senza almeno una piccola incertezza che avesse potuto
mettere dei dubbi...Ma ci pensi marco?... Se nelle vite precedenti hai avuto davvero quelle esperienze,e hai avuto la gioia,anche se solo per qualche attimo di rivederle,puoi ritenerti fortunato...Non capita a tutti di poter rivedere una parte remotissima di
se stessi proiettata come in un film...Come ti invidio!...Piacerebbe anche a me avere un'esperienza simile ma non quando sto guidando l'auto,ma quando sono seduto
comodamente in poltrona o rilassato nel mio letto in attesa di poter dormire

condividi su Facebook condividi su Twitter


avatar

CLAUDIO INNOCENTI