POETI CONTEMPORANEI

LUNEDI'

davanti i rotanti congegni di due eliche per i venti accolse questi veri eventi sul terrazzo dei convegni.

Quale opera di costruttori valenti iniziarono i lavori fra roseti e uliveti. Si aggiunsero anche due smorfiosette con scolli fondi e pancette.

Arrivarono già solerte in sette: come i fattorini dei pasticcini sui fiorini si aggiravano colle alette

tallonando ne l’aria librate le urlanti amene donnette rovesciate come borsette fra le fratte profumate.

E non erano certo mannaie volate dal beccaio accanto ma per cento pupette sette api operaie piene di miele e d’incanto.

condividi su Facebook condividi su Twitter