POESIA
Poeti Contemporanei

IL TEMPO

Questa notte ho visto un angelo
cantava alle orecchie dei dormienti
evocava sogni struggenti
amore odio e serpenti.
Mi si avvicinò e stringeva tra i denti
i ricordi di questi giorni dispersi.
Scappando da questi eventi
mi accorsi di portare in me paure d’altri tempi.
Allora fermo sul mio tempo mi giro,
lo guardo e canto
“canto l’inno delle mie paure
rifugiate dietro queste dune,
alzati o vento soffia perfetto
elimina ogni mio difetto
disperdi nel tempo
le angosce che ho nel petto.
Portami dal mio amore
guidato dal mio cuore
o tu padrone ...”
L’angelo guardò in alto
come in attesa di un verdetto e disse:
“...allora...ecco a te...il tempo...”


condividi su Facebook condividi su Twitter