POETI CONTEMPORANEI

PERSO NELL'INFINITO

Perso nell'infinito
vado alla ricerca di una linea di demarcazione
che mi riveli un confine,
un qualcosa che può svelare
la via tortuosa de l'incedere dei passi
per non perdermi nell'immenso deserto
della dimenticanza e giri intorno
allo stesso orizzonte senza rendermene conto,
alimentando l'oblio con la fiamma che acceca
la coscienza e nega un nuovo nascere,
un nuovo prendere atto della grande verità
o della grande menzogna,
che hanno bisogno l'una dell'altra per sopravvivere...
Il bisogno di sentirsi fanciullo
e cullare un sogno di speranza
che vuole la sua volontà
per conquistare il suo mondo,
e darmi la sicurezza di cui ho bisogno
e la volontà di agire per dei sani ideali
che s'identificano in etiche morali,
che,pur considerando la grande menzogna
come tale nel bene e male
portano ad un senso di moralità
che può avere solo la grande verità.

condividi su Facebook condividi su Twitter


avatar

CLAUDIO INNOCENTI