POETI CONTEMPORANEI

FILA ALL’UFFICIO POSTALE

Fila all’ufficio postale,
oggi è il giorno delle pensioni,
bisogna accettare l’idea
di perdere del tempo.

Parlo per ingannare il numerino sdraiato,
Marlene sulla porta,
un attimo infinitesimale
d’oro sui capelli

L’impiegata dicono sia
poco portata al nuovo compito,
l’ha detto una biondina,
dialettica quota 1000.

Marlene è volata via,
arrivo alla porta bloccata.
una signora passa
e mi lascia interdetto

Marlene è li all’ingresso
le faccio segno di entrare,
mi passa davanti
gli occhiali da sole si incontrano,

sento il suo sguardo
bloccato sul mio.
Vado via tra gente seduta ai tavoli
dei bar aperti da poco.

condividi su Facebook condividi su Twitter