POETI CONTEMPORANEI

MENTRE GUARDAVO 'L MAR

Mentre guardavo 'l mar
mi persi nel cielo azzurro,
non riconobbi 'l confin
tant'era simil e lucente.

S'ingrossava 'l mar e si sgonfiava,
nel romper dell'onde
la sciuma bianca correa nel vento,
nel letto del mar.

Correvano i marosi alti,allineati
rotolando,precipitando su se stessi,
nebulizzando frangenti.

Beltà risplendea nel timor,
nel rispetto de l'inquieto signor
che librava oltre 'l confin del cielo.

condividi su Facebook condividi su Twitter


avatar

CLAUDIO INNOCENTI