POETI CONTEMPORANEI

LE ANIME

Le anime non invecchiano, lasciano piume
Su freddi pavimenti di marmo
Capelli sopra giacigli e lenzuola
Non sempre fresche di bucato
E lacrime su prati e fuochi di tramonti

Le anime non ricordano, tornano spesso
In luoghi un tempo conosciuti
Come la prima volta, come in quel giorno
Ormai dimenticato. E la memoria
Riscopre il pianto bambino di un vecchio

Le anime non accettano la solitudine
Di chi vuol vivere senza ricordi
E non spera che in qualcosa di impossibile
Sono stelle cadute, sospese in un’attesa
Di ritornare a sfolgorare in cielo

condividi su Facebook condividi su Twitter