POETI CONTEMPORANEI

PER TERRA, FORMICHE

credevo fosse giornata di pioggia, di nuvole grigie. invece sento suoni leggeri di uccelli. salutano il sole, loro grato compagno di viaggio, beati. si chiamano a raccolta, si inseguono felici. sotto, per terra, come formiche, guarda: sono uomini. sfortunati, non sanno come sia bello giocare quassù.

condividi su Facebook condividi su Twitter


avatar

GPCICERI