POETI CONTEMPORANEI

ESTATE

Timido raggio di luna, questa sera
fermati davanti ai suoi occhi stanchi e asciuga il suo pianto.
Fresco respiro di vento, soffia leggero
su di lei e ravviva i suoi capelli.
Ti prego, rapisci il suo intenso profumo solo per me.
Caldo strale di sole, scendi e sciogli
il suo cuore algido e cieco.
Ti prego fa che come un bel fiore  si schiuda unicamente per me.
Piccolo usignolo vola presto alto al di là del mare  e per tutta la notte canta la tua melodia.
Ti prego, confida il mio amore per lei.
Tenera poesia fai nascere le ali dell'audacia
al mio pavido cuore.
Prima della mietitura
io la bacerò, così l'estate   come frumento ci vedrà maturare in un sol ciuffo

condividi su Facebook condividi su Twitter