POETI CONTEMPORANEI

IN FONDO

Nel fondo d’un sospiro
un uccellino freme;
un campanule geme
batacchio il pieduccino
del grillo barbarino.
Nel fondo del mio cuore
una vocina chiama
tagliente e pur soave
come il tocco dell’Ave
al pellegrin che ama.
Nel fondo del mio pianto
il murmure del fiume
dondola. Senza incanto
è l’attesa del lume
è la calma del mare.
Nel fondo di mia sete
il sapore d’aceto
e di sale, mia cara.
L’amore oltre la vita
sulla punta di un’ora.

*
Nicola LETIZIA

condividi su Facebook condividi su Twitter