Vivo

Ascolto nel lucente mattino
il sibilar tenue del vento

qualcosa stormisce dolcemente
avvicinandosi lento agli occhi

un foglio di carta che sa di fresco inchiostro
fruscia leggero accanto al mio viso

È l'alba il mare recita le sue nenie

amene malinconiche e tranquille

e io nel riverbero di raggi di luna argentati
intono il mio carme d'amore alla vita
.
Cesare Moceo ragazzo del 53
Poeta di Cefalù destrierodoc
@ tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Torna in alto