Al Cesare che fu…ai Cesare che saranno

"Ero giovane,ero un poeta"

Guardo con ammirazione infinita
le adolenscenze brillanti
che fissano i loro traguardi
senza intridersi di malattie mentali
e riconoscono con discrezione
senza ornamenti di drappi funebri
la caducità della vita
nei loro respiri di bellezza
E non ha alcuna importanza
il rimanere povero di tasca
quando si vive appieno
il godere del giusto dire
e il legittimare dei propri gesti
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Torna in alto