14 RACCONTI
UNA STORIA MODERNA

                                                                      Una storia moderna


Nel lontano 1985, nel paese di San Severo,in quella torrida estate non si parlava d'altro.Era stato lo scandalo della stagione. Marisa ,la figlia della parrucchiera ,era stata lasciata dal fidanzato 15 giorni prima delle nozze.Era già tutto pronto, casa, ristorante, chiesa, bomboniere e vestito compreso. Purtroppo il fidanzato si era innamorato di un'altra, non aveva avuto il coraggio di dirlo alla ragazza per cui l'ingrato compito toccò al padre. La rabbia e la delusione di Marisa furono enorme. Per più di un mese non uscì di casa, e pensare che per questo matrimonio aveva lasciato anche l'università. Il padre comunque, per aiutare la figlia e dare una svolta a quello che era successo,riuscì a rivendere anche a basso prezzo, tutto ciò che aveva comprato:mobili, abito,bomboniere, tutto. Rimase la casa vuota che era di sua proprietà che pensò bene di affittare subito per rifarsi delle spese.Passati due mesi Marisa ancora non si dava pace per l'accaduto, così la madre la costrinse a lavorare con lei, lavare i capelli alle clienti. Un giorno si presentò nel salone una vecchia amica della madre.Aveva sentito parlare del mancato matrimonio e pensò bene che quella era la buona occasione per far uscire dalla depressione il proprio di figlio ,Stefano.Ebbene , il fglio di questa donna era stato lasciato dopo due anni di convivenza ,dalla fidanzata di cui era innamorato, ma lei aveva preferito  fidanzarsi e sposarsi velocemente con il figlio di un noto avvocato del luogo e molto ricco. Stefano ormai da molti mesi non voleva più uscire con gli amici, e non si interessava più delle ragazze. Continuava solo il suo lavoro di geometra in una ditta edile. Ma la madre non si dava per vinta,voleva far ritornare il giovane ad una vita normale e superare la depressione. Così senza mezzi termini propose a Marisa, visto che la loro situazione sentimentale era quasi simile, di invitare il figlio a uscire qualche sera a mangiare una pizza, o al cinema. Quindi con chiarezza invogliò Stefano ad accettare questi inviti. Stefano conosceva Marisa, perchè avevano frequentato le stesse superiori, ma non si era interessato mai alla ragazza. Così giusto per tenere contente le due madri,Marisa e Stefano iniziarono queste uscite serali "tipo terapia" dicevano fra loro. Si vedevano    due volte la settimana. Così fra un cinema,   una pizza e lunghe   passeggiate, cominciarono a parlare   dei loro amori mancati, diventando dei buoni amici. Passarono così 6 mesi, finchè Marisa ormai superata la crisi decise di tornare a Roma e finire l'università. Stefano da parte sua si fece trasferire dalla ditta a Roma dove erano in corso dei lavori.Una volta nella capitale cercò il numero della pensione dove abitava Marisa e i due continuarono a vedersi. Marisa dopo un anno si laureò in lettere, e incominciò a seguire l'iter per insegnare. Dopo qualche mese incominciò con delle supplenze alle medie.Idue giovani ormai non passava giorno senza vedersi,continuavano i loro lavori e si erano innamorati. Trovarono un appartamento per vivere assieme, ma si  impegnarono a non sposarsi. Le rispettive famiglie, per un conto furono contente, per un altro avrebbero preferito un bel matrimonio, ma i due avevano preso questo impegno. Solo dopo nove anni dall'inizio della loro storia d'amore e dopo 4 figli,tre femmine e un maschio, decisero di sposarsi. Il matrimonio avvenne a Roma in una piccola chiesa della periferia, con la partecipazione delle loro famiglie e qualche amico.Le damigelle furono le loro bambine , e il maschietto portò le fedi.


                                                              Maria Antonia Gariano